Devi dare il consenso all'uso dei cookies per poter visualizzare questo video. Maggiori informazioni
Devi dare il consenso all'uso dei cookies per poter visualizzare questo video. Maggiori informazioni

Che la realtà di quest’epoca folle sia tragica, ma non seria, è un fatto ormai conclamato e cristallino, ennesima riprova dell’illusione teleologica di una Storia ridotta a successione ascendente di gradini, inesorabilmente tesa verso le magnifiche sorti e progressive del Domani. Rimanendo in ferramenta- reparto scale– il XXI secolo pare ben contento di praticare il passo del gambero rovinandosi in una corsa all’indietro che fa strame di vite e di diritti, oltreché di logica. Passi dunque la distruzione dello Stato Sociale, il suicidio delle sinistre e il ripudio di ogni umana comprensione dei bisogni: tutto questo fa parte della contrapposta e squilibrata lotta di interessi tra i pochissimi che hanno troppo e i molti che hanno troppo poco. La vita è una scala, c’è chi scende e c’è chi sale, tanto per continuare in tema. Se il Capitale si spende per i propri interessi, infatti, la patologia riguarda chi, almeno sulla carta, doveva anteporre alla cupidigia di profitto l’Uomo ed il Lavoro: in tal senso la Caporetto della razionalità risulta di proporzioni titaniche. Non v’è disfatta senza errori, e per quanto riguarda il Vecchio Continente- maxime l’Italia- la biblica piaga che attanaglia centinaia di milioni di individui è sempre una e una sola: l’euro.

Allorché domenica 16 aprile sulle rosee colonne de Il Sole 24 Ore s’è realizzata la magia di veder comparire sulla stessa colonna- e su quel giornale- le fatali paroline euro e dibattito ogni italiano di buon cuore avrebbe dovuto esultare, intimamente commosso dalla constatazione di poter osservare il grado di civismo e buon senso dell’organo di Confindustria. La firma di Luigi Zingales dava infine al tutto quell’aura di competenza made in USA che sdilinquisce ogni buon moderato: altro che blog e siti di quart’ordine, finalmente anche l’avvocato, il commercialista ed il direttore di banca potevano affrontare il dibattito sulla moneta unica senza patimenti né vergogne. Terminato il fisiologico tempo di meditazione di sei anni- ben lontano dai fate presto gridati da Caifa extralarge in un passato prossimo indimenticabile- ora il Sole si presenta come palestra di dialettica democratica a cui affidare una riflessione seria ed approfondita sull’italexit.

Una luce di anglosassone informazione civile nell’asfittico mondo parolaio del nostro giornalismo!

Le cose stanno realmente così? No. A noi non piace portare rancore, e supereremmo ben volentieri la galleria degli orrori che generosamente il bollettino del padronato italiano ha offerto all’Italia a partire quantomeno dal quel fatale novembre montiano. Supereremmo, perché la pietas è fondamento e non orpello dell’Uomo, lo stupro della scienza economica, l’odio bestiale verso il proprio popolo, la riduzione del giornalismo a propaganda infame: lo faremmo perché la situazione abbisogna di una collaborazione vera e profonda di tutti gli italiani, un nuovo inizio per ricostruire quella Nazione tradita con il supino concorso delle grandi e piccole firme del Sole. In questo caso, però, volere non è potere.

Momenti di grande serietà scientifica offerti dall’autosospeso direttore del Sole

Il dibattito rappresenta una vile operazione-simpatia, un’ennesima presa in giro verso i (pochi) lettori rimasti perché, semplicemente, risulta ormai una questione chiusa. Dal novembre 2011 Alberto Bagnai ha intrapreso un’opera fondamentale che, animandosi su un semplice blog, ha permesso a milioni di capire ciò che il Sole e gli altri organi del Minculpop mistificavano, elevando la critica ad un livello scientifico e culturale che inesorabile sovrasta il guano di menzogne offerto dai volenterosi carnefici dell’Economia. Del resto la constatazione che l’unione monetaria tra sistemi produttivi assai diversi come quelli continentali fosse un disastro annunciato risale al 1957 ed è stato ribadito più volte da esponenti di primo livello della scienza economica. Non vediamo quindi motivo di blaterare arzigogolate teorie che mascherano il nulla nel 2017.

Il moderato e sempre lucido commento del Sole 24 Ore al tempo dell'operazione Monti

Il moderato e sempre lucido commento del Sole 24 Ore al tempo dell’operazione Monti

Come se non bastasse questo, inoltre, l’analisi pubblicistica delle dinamiche relative alla moneta unica svolta magistralmente da Luciano Barra Caracciolo ha svelato la totale antitesi tra Unione Europea e Costituzione Repubblicana: se non fosse già risolto, il presunto dibattito si risolverebbe immediatamente se gli interessi della nostra Carta fondamentale risultassero ancora validi per gli aedi di Monti, Einaudi ed Andreatta. In questo quadro intellettualmente desolante la realtà poi certifica con i fatti l’insensatezza dei sofismi rosé: con una disoccupazione strutturale oltre l’11 per cento ed un PIL ai livelli di inizio millennio soltanto un’accolita di sicofanti prezzolati può continuare a cianciare mentre 4 milioni e mezzo di loro concittadini- insultati e demonizzati- annaspano al di sotto della soglia di povertà.

Conseguenze del messia Monti, "il salvatore" invocato dal Sole

Conseguenze del messia Monti, “il salvatore” invocato dal Sole (fonte)

In conclusione, infine, il vero nodo su cui si innesta tutto il distopico orrore dell’eurozona non verrà mai evidenziato sulle colonne del Sole, e questo silenzia definitivamente il belare del gregge liberista. Di cosa stiamo parlando? Della possibilità dello Stato di riappropriarsi della propria banca centrale e dei relativi strumenti monetari per poter dispiegare compiutamente – all’occorrenza monetizzando il deficit- le opportune misure di politica economica, finalizzate alla realizzazione degli obiettivi garantiti dalla Costituzione del 1948.

Lelio Basso, socialista e grande italiano ingiustamente dimenticato

Se infatti “E` compito della Repubblica rimuovere gli ostacoli di ordine economico e sociale, che, limitando di fatto la libertà e l’eguaglianza dei cittadini, impediscono il pieno sviluppo della persona umana e l’effettiva partecipazione di tutti i lavoratori all’organizzazione politica, economica e sociale del Paese” o si rompe la gabbia dell’euro per realizzare la democrazia sociale- e quindi la eguaglianza sostanziale raggiungendo il pieno impiego- oppure si resta schiavi e servi di poteri estranei al controllo popolare, il cui interesse vitale è la stabilità dei prezzi, ossia la disoccupazione permanente. Tra dittatura oligarchica e libertà democratica, tra U€ ed Italia noi sappiamo da che parte stare: i fatti dimostrano la scelta di campo opposta del giornale di Confindustria.