Sebastiano Caputo e Marco Forneris a Ivrea

“Anno 2004. Dopo la sconfitta di Saddam Hussein da parte della coalizione a guida americana, il fuoco arde più che mai sotto le ceneri di una fragile pace. I costi necessari per la ricostruzione dell’Iraq sono enormi, mentre del tesoro accumulato da Saddam durante gli anni del suo dominio si è persa traccia, o quasi. Un indizio proveniente dalla Siria mette in moto i servizi di sicurezza americani che affidano a David Faure – un uomo d’affari che ha una ragione personale per affrontare un’indagine molto pericolosa – il compito di individuare dove sia stato nascosto il patrimonio trafugato dagli uomini del Muckabarat iracheno. La ricerca di Faure, accompagnato nell’impresa dall’affascinante agente della CIA Jacqueline Chamoun, si snoda fra il Medio Oriente siriano, libanese e iracheno, passa da Israele per approdare prima in Grecia e poi nei santuari svizzeri della finanza grigia, seguendo le ratlines del contrabbando e le money laundries fino a giungere a un risultato solo in parte prevedibile. Il libro è anche un affresco di situazioni e personaggi del Medio Oriente prima che la guerra siriana travolgesse intere nazioni, trasformando in rovine fumanti luoghi dal grande fascino.Un libro dove spionaggio e indagine criminale vanno di pari passo, con un forte e documentato richiamo alla storia recente del terrorismo internazionale”.

Venerdì 15 Novembre ad Ivrea (Libreria Mondadori, Piazza Freguglia 13) ore 21, Sebastiano Caputo, reporter e direttore de L’Intellettuale Dissidente, presenterà “L’Oro di Baghdad” (Sandro Teti Editore) con l’autore Marco Forneris.

Il sito utilizza cookie per fini statistici, per la visualizzazione di video e per condividere argomenti sui social network. Proseguendo sul sito l’utente ne accetta l'utilizzo. Per maggiori informazioni consulta l’ Informativa Estesa.

OK

NOVITÀ GOG EDIZIONI



Nuevos escolios a un texto implícito I
di Nicolás Gómez Dávila

15.00€

«Il pensiero reazionario irrompe nella storia come grido ammonitorio della libertà concreta, come spasmo d’angoscia di fronte al dispotismo illimitato a cui giunge chi si ubriaca della libertà astratta».

close-link
error: